Powered by Hair Science Institute

Trapianto Capelli Milano

 

A Milano e nell’interland milanese esistono numerosi centri che propongono trapianto capelli. Infatti, oggi il trapianto capelli si è estremamente diffuso ed è tra i trattamenti più richiesti soprattutto dal pubblico maschile che è quello più soggetto alla perdita o caduta di capelli detta anche alopecia o volgarmente calvizie.

Come in tutti i settori che diventano estremamente popolari, nel senso anglosassone del termine, ovviamente il mercato è segmentato in funzione delle possibilità economiche. Esistono quindi offerte di trattamenti per tutte le borse. È comunque importante da sapere per il potenziale paziente che si interessa di autotrapianto capelli che non esistono formule miracolo e che il famoso detto “chi più spende meno spende” è in questo settore particolarmente vero.

Il consto delle differenti techniche di trapianto

Inoltre, questo aspetto è molto importante, va valutata la tecnica a cui ci si sottopone. Facendo il paragone con altre offerte di altri prodotti/servizi presenti sul mercato che possibilmente sono più familiari con il pubblico, nessuno si aspetterebbe di comparare i prezzi di varie automobili, benché tutte siano automobili. Nessuno si sognerebbe di andare da Bentley, Ferrari, Rolls Royce e aspettarsi di trovare i prezzi di Dacia, Kia, Fiat o Renault. Né di sollevare domande chiedendo perché c’è così tanta differenza di prezzo, eppure sono tutte automobili. Lo stesso succede nell’ambito della moda o della marocchineria. Nessuno è stupito di trovare prezzi tanto diversi da Hermes, Vuitton comparandoli con Zara, H&M o altre marche più buon mercato. Il pubblico lo accetta e anzi spera potersi permettere oggetti o servizi di valore elevato.

Ebbene nel campo del trapianto capelli è esattamente la stessa cosa, solo che il pubblico è molto meno informato al riguardo e pensa che ogni tipo di trapianto si equivalga ed allora pensa di fare un buon affare pagando il meno possibile. Addirittura, molti si recano all’estero per pagare ancora meno, non sapendo nulla delle condizioni alle quali dovranno essere sottoposti a trattamento: igiene, capacità o qualifica dell’operatore, senso dell’estetica individualizzata per tipo etnico, non rispetto delle regole sanitarie vigenti in Italia e non possibilità di essere seguiti periodicamente e difficilmente di essere trattati in caso di complicazioni che purtroppo avvengono per alcune delle ragioni ora elencate.

Milano è anche un centro internazionale della moda, le persone sono più attente alla loro immagine, quindi, cercano di migliorarla e spesso nel caso dei pazienti di sesso maschile scegliendo di effettuare un trapianto capelli. Allora vediamo di aiutare il pubblico interessato a capire quale è la migliore tecnica e perché il costo da una all’altra è così differente.

La technica Hair Stem Cell della Hair Science Clinic

Oggi la migliore tecnica presente a Milano e forse la più costosa è la Hair Stem Cell Transplantation ideata e brevettata dal famoso ricercatore olandese Conradus Chosal GHO che è un luminare nel campo della tricologia ed è autore di numerosissime pubblicazioni scientifiche in congressi e riviste internazionali. Si posiziona al vertice di tutte le tecniche e consiste nel prelievo di una porzione di bulbo pilifero dalla zona donatrice. Questo prelievo è estremamente scarno di tessuto epidermico (prelievo a 0,6 millimetri). Le cellule staminali del capello sono praticamente a nudo. Occorre una dimestichezza particolare per manipolare il prelievo, per non danneggiare le cellule staminali che sono essenziali per l’attecchimento e la crescita.

Questi innesti non avrebbero la stamina per sopravvivere dopo l’estrazione. Vengono immersi in un composto medicamentoso brevettato che conferisce la forza necessaria all’innesto per sopravvivere e soprattutto per attecchire in zona ricevente con uno spettacolare ratio di attecchimento che oscilla tra il 95 ed il 98 per cento. Senza comun misura superiore alla ratio di attecchimento di un intervento FUE per esempio. Questo tipo di intervento prende tempo. Dapprima l’operazione di estrazione è assai meticolosa vista la minutezza degli aghi. Poi si scelgono quei bulbi che contengono più capelli per poter con successo prelevarne una porzione. L’innesto in zona ricevente è anche laborioso e lungo. La manipolazione degli innesti è delicata perché si deve evitare di danneggiare le cellule staminali che sono a nudo sulla superficie esterna dell’innesto. Non è possibile utilizzare iniettori di Choi come in alcune tecniche di FUE e particolarmente la DHI perché lo sfregamento dell’innesto nella fuoriuscita dall’iniettore danneggerebbe le cellule staminali compromettendo l’attecchimento e la ricrescita.

A distanza di alcuni mesi, quando la zona donatrice si è ricostituita, un nuovo intervento può essere ripetuto esattamente nelle stesse condizioni e con il medesimo risultato e questo teoricamente può essere ripetuto numerose volte nei casi in cui la zona da trapiantare sia particolarmente vasta. Tutto questo pensiamo possa dare un’idea del perché il costo di questo tipo di intervento è più elevato: specializzazione, formazione del personale, tempi di intervento e costi di ricerca scientifica. Questa tecnica è eseguita a Milano nella Hair Science Clinic di via Pietro Mascagni 14.

La altre techniche di trapianto a Milano

A Milano sono praticate, come dicevamo, tutte le tecniche di trapianto.

La technica FUT

Abbiamo rinomati studi e cliniche che praticano la FUT comunemente chiamata “la strip”. Questa tecnica per essere realizzata deve essere eseguita da chirurghi professionisti sperimentati. Necessita di sala operatoria visto che si tratta di un vero e proprio intervento chirurgico che lascerà nel retro del cranio una lunga cicatrice che sarà visibile portando i capelli molto corti. E un intervento che può essere doloroso, comporta una serie di punti di sutura, e che potrebbe risultare anche in una superficie della nuova zona trapiantata con ondulazioni, visto che il trapianto di tessuto epidermico sezionato dalla strip prelevata è di forma quadrata, mentre il foro di alloggiamento praticato nella zona ricevente è di forma rotonda. La sovrapposizione di quadrato su tondo può dare luogo quindi ad una superficie non perfettamente liscia ed uniforme.

La tecnica FUE

Numerosissimo sono anche gli istituti e le cliniche che praticano il trapianto FUE. Questo (Follicular Unit Estraction) consiste nel prelievo intero di follicoli piliferi estratti con strumenti di dimensioni considerevoli, da uno a più di un millimetro di diametro. Il foro che viene provocato dall’estrazione provoca fuoriuscita di sangue, necessità di fasciatura e bendaggio alla fine dell’intervento e la formazione di una serie di piccole cicatrici visibili come piccole macchie bianche disseminate su tutta la zona donatrice. E chiaro come il numero di interventi ripetitivi con questa tecnica sia limitato visto che il successivo prelievo dalla zona donatrice non può andare oltre certi limiti che sono quelli del diradamento eccessivo lasciato da tutti vari prelievi.

Lo specchio per le allodole dei trapianti all’estero

Bisogna poi prestare attenzione a quegli annunci pubblicitari che sembrano indirizzare verso un istituto di Milano ma che in realtà sono dei relais verso operazioni eseguite all’estero con condizioni di protocolli non accettabili in Italia. Ovviamente chi accette questo compromesso è allettato da costi veramente irrisori, ma spesso il valore pagato corrisponde alla qualità insoddisfacente del risultato.

Call Now Button00393317816625